Skip to content

CineVideogiochi consiglia: INSURGENCY

Condividi

insurgency

Quanti first-person shooter ci sono sul mercato, oggi? Forse troppi, e la maggior parte è palesemente di dubbia qualità. Anche i colossi del genere, come Call of Duty e Battlefield, si sono un po’ persi negli ultimi dieci anni, diventando semplici arene multiplayer e poco più. Il feeling poi, s’è perso totalmente; finiti a sparare petardini e a vagare con il coltello per colpire alle spalle l’avversario. In questa stagnazione del genere, che attualmente non riesce a trovare una vera e propria via d’uscita dai suoi problemi, CineVideogiochi vuole consigliarvi un “piccolo” titolo, ma tosto e molto realistico. Intendiamoci, non intendiamo simulativo, è pur sempre un gioco; semplicemente non garantisce aiuti particolari, ormai classici nel genere.

Parliamo di Insurgency, titolo il quale ha debuttato nel 2014 e che al momento si trova scontato a 1,49€ sullo store di Steam. Vi ricordiamo che questa non è una recensione, ma un consiglio; un nostro tentativo di mettervi una pulce nell’orecchio, così da interessarvi e rendervi consapevoli di titoli magari non così famosi, ma  di qualità e che anzi magari offrono pure qualcosa in più rispetto ai loro “cugini” più rinomati.

Il gioco si presenta come uno sparatutto tattico su mappe aperte e molto grandi, che offrono vari tipi di approccio a seconda della propria attrezzatura, ampia e personalizzabile come più si preferisce. Le meccaniche di base del genere sono ovviamente sempre le stesse, ma Insurgency si differenzia sostanzialmente in un punto: il realismo. L’unico mirino è quello montato sull’arma, non vi è HUD, niente hitmarker né segnalazione della morte del nemico (già, dovrete rendervene conto voi se avete eliminato la minaccia). Altra chicca carina, che a nostro parere aumenta il feeling con la propria arma, è che non si ricarica in automatico; è necessario quantomeno essere accorti (se non lo si vuole proprio imparare) riguardo il numero di colpi a nostra disposizione, altrimenti si finisce con il fare “click click” in faccia al nemico nel momento peggiore e topico della battaglia. E sì, da tale situazione non se ne esce bene.

Credeteci, non vi sentite “privati” di qualcosa, senza tutte queste meccaniche fin troppo giocose. Ne guadagna l’immersività, perché a ciò si aggiunge un grandissimo gunplay che stacca, e di parecchio, l’esperienza offerta dalla concorrenza. Questa forse è la nota migliore di Insurgency, un gioco che costa come 3 caffè alle macchinette, ma che offre la miglior sensazione “armi in mano” a nostro parere disponibile sul mercato. Ripetiamo però, che il gioco è sì realistico ma non intende esser simulativo. Non è la serie Arma, state attenti; chiunque ci si può approcciare senza troppa fatica, basta non aspettarsi di poter correre a sparacchiare in giro.

Il gioco offre diverse modalità, tutte in multiplayer. Possiamo fare sia partite in cooperativa contro l’intelligenza artificiale (tutt’altro che stupida, anzi vorrei sottolineare come sia scalabile su più livelli di difficoltà, e come offra sempre una dura sfida) che scegliere tra le varie modalità contro altri giocatori umani. Tanta scelta, perché sono almeno 5 diverse per la prima categoria e 9 per la seconda; spaziando dai deathmatch alle infiltrazioni, conquista di avamposti e molto altro.

Quella che può essere la nota dolente è la grafica. Non che sia brutta, ma non è assolutamente al passo con i tempi. Fatto sta che è funzionale, permette al gioco di girare pure su PC poco performanti e se la rapportiamo al prezzo d’acquisto, è una meraviglia senza pari.

Il nostro consiglio è di giocarlo con un amico, parlandosi in cuffia. Sentire così la tatticità di questo gioco, è il modo migliore di affrontarlo. Non che sia necessaria chissà che strategia, ma come detto il feeling realistico di ciò che ci circonda è ancora più soddisfacente se vissuto in compagnia. Comunque, sappiate che l’utenza è ancora molto, tanto numerosa, quindi troverete sempre altre persone online con cui giocare.

Crediamo di avervi detto tutto riguardo Insurgency, o quanto meno il necessario per provare a suscitarvi interesse. Costa poco, ma l’offerta è grande. Se siete amanti di questo genere, dategli una chance, non ve ne pentirete. Dopotutto, fa sì le stesse cose che fanno gli altri giochi (non è certo rivoluzionario, intendiamoci); ma per quanto assurdo sia, le fa meglio.

CineVideogiochi
“Scatena le Tue Passioni”

Annunci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: